Psoriasi e malattie polmonari

La psoriasi è una malattia sistemica che può essere associata ad altre condizioni. Nuovi studi suggeriscono un legame tra psoriasi e malattie polmonari.

La psoriasi e l‘artrite psoriasica sono malattie croniche autoimmuni che producono una risposta infiammatoria, in particolare sulla pelle e nelle articolazioni.
Tuttavia, è ben noto che la psoriasi è una malattia che può essere associata ad altri disturbi come obesità, diabete, malattie cardiovascolari e malattie infiammatorie intestinali.

Prove emergenti suggeriscono anche che i pazienti con psoriasi possono essere più suscettibili a una varietà di malattie polmonari e che alcuni dei trattamenti farmacologici sistemici per la psoriasi moderata-grave possono avere effetti collaterali polmonari, come tosse e mancanza di respiro.

Psoriasi e malattie polmonari associate

La psoriasi può essere associata alle seguenti malattie polmonari:

  • Asma. È noto che la psoriasi è un fattore di rischio per l’asma, anche se il motivo non è chiaro. Una recente metanalisi di sei studi, che ha coinvolto 66.772 casi di psoriasi e 577.415 controlli, ha mostrato che i pazienti con psoriasi hanno una maggiore suscettibilità all’asma. Il rischio era maggiore nei pazienti più anziani (≥ 50 anni), anche se non è chiaro esattamente perché questo dovrebbe essere il caso.
  • Broncopneumopatia cronica ostruttiva (BPCO). La BPCO si riferisce a un gruppo di malattie che influiscono sull’afflusso d’aria ai polmoni, rendendo più difficile la respirazione. Una revisione del 2015 ha concluso che le persone con psoriasi avevano un rischio circa due volte maggiore di sviluppare BPCO, rispetto alla popolazione generale e hanno riscontrato che il rischio era più alto nelle persone con psoriasi grave.
  • Sarcoidosi. La sarcoidosi, o sarcoide, è una malattia rara in cui alcune cellule infiammatorie si raggruppano per formare piccoli grumi chiamati granulomi. Gli organi più comunemente coinvolti sono i polmoni, la pelle e gli occhi. Come condizione infiammatoria cronica, il sarcoide ha chiaramente alcune caratteristiche in comune con la psoriasi e possono condividere meccanismi sottostanti comuni.
    Un ampio studio epidemiologico, che coinvolge essenzialmente l’intera popolazione danese (> 6 milioni di soggetti), ha dimostrato una forte associazione tra psoriasi e rischio di sarcoidosi.
  • Malattia polmonare interstiziale (ILD). Questo è un termine tecnico usato per definire un insieme insolito e complesso di condizioni polmonari – tra cui polmonite interstiziale e fibrosi polmonare – che sono state osservate in associazione con la psoriasi. Queste condizioni tendono a causare una cicatrizzazione progressiva e irreversibile del tessuto polmonare.
    Uno studio su 447 pazienti con ILD avanzata, 21 (4,7%) hanno riscontrato una concomitante psoriasi. Tuttavia, non era ovvio quale fosse l’associazione tra le due condizioni o se esistesse una vera associazione.
  • Cancro del polmone. Gli studi dimostrano che gli individui con psoriasi hanno maggiori probabilità di essere fumatori di sigarette, tuttavia, uno studio del 2016 basato sui dati del Regno Unito Health Improvement Network, suggerisce che i pazienti con psoriasi grave possono avere un aumentato rischio di cancro ai polmoni, indipendentemente dello stato di fumatore.

Riepilogo

È chiaro che la psoriasi è una malattia multisistemica e che può essere associata ad un aumentato rischio di malattie respiratorie. Il problema sta nel decidere quale sia effettivamente il livello di quel rischio aggiuntivo.

Una difficoltà è che molti degli studi che affrontano l’associazione tra psoriasi e malattie polmonari, non tengono conto di tre fattori di rischio chiaveobesità, fumo e attività fisica – che sono tutti associati a problemi respiratori e tutti e tre i quali sono più comuni nei pazienti con psoriasi. Il mancato adeguamento a questi fattori può comportare una sovrastima dei rischi per le malattie polmonari di cui sopra.

Il fatto è che la mancanza di respiro e la tosse in un paziente con psoriasi sono più probabilmente dovute al fumo, all’obesità o a scarsi livelli di forma fisica, piuttosto che a complesse malattie polmonari o agli effetti collaterali dei farmaci.
Smettere di fumare, mantenere un peso sano e fare regolare esercizio aerobico è il modo più sicuro per ridurre il rischio di malattie respiratorie.

Tuttavia, i pazienti con psoriasi sembrano essere ad aumentato rischio di malattie polmonari, anche dopo aver fatto scelte di vita migliori, sebbene il livello di questo rischio in eccesso possa essere piuttosto basso. Alcune condizioni come il sarcoide e l’ILD hanno un’associazione incerta con la psoriasi e alcuni farmaci possono essere associati a un aumentato rischio di infezioni respiratorie e tosse.

Ne consegue che qualsiasi paziente con sintomi respiratori persistenti, in particolare dispnea e tosse, dovrebbe essere adeguatamente studiato.

 

Questa lettura è stata utile? Condividila!

Contattaci

Il nostro centro a Milano si avvale di medici specializzati in Psoriasi, dalla comprovata esperienza. Chiamaci per saperne di più!
Non perderti tutte le news, eventi e Open Day del Centro Medico Unisalus

Iscriviti alla nostra newsletter

Icona medicoCiao,
Hai mai ricevuto una diagnosi di Psoriasi?

Io: No

Io: Sì

Icona psoriasiUn tuo familiare soffre di Psoriasi o ha mai manifestato i sintomi compatibili con la Psoriasi?

Io: No

Io: Sì

Icona PsoriasiHai delle chiazza rosse con desquamazioni in zone particolari quali viso, cuoio capelluto, zona lombare, gomiti, ginocchia, palmi di mani, e piedi, genitali, pieghe corporee o dietro le orecchie?

Io: No

Io: Sì

Icona PsoriasiGentile utente, grazie per avere compilato il questionario. In base alle tue risposte ti consigliamo di lasciare la tua email per essere ricontatto da un nostro esperto.

Icona PsoriasiGentile utente grazie per aver compilato il questionario. In base alle tue risposte non ha evidenziato problemi di Psoriasi. Se ritieni che la tua patologia non sia controllata bene, ti consigliamo di lasciarci la tua email per essere ricontattato da un nostro esperto.