Psoriasi in inverno

Psoriasi in inverno: che succede?

Ricordiamo in primo luogo che, la psoriasi, è una patologia dermatologica diffusa che colpisce circa il 3-4 % della popolazione.

In tutte le varie fasce di età, nonostante l’incidenza maggiore si trovi nel maschio adulto.

La forma più comune di psoriasi è caratterizzata da larghe placche molto infiammate e ricoperta di squame o croste bianche.

Tra i tanti fattori che possono influire sull’andamento della psoriasi è la stagionalità.

Abbiamo già parlato della psoriasi nel periodo estivo, andiamo ora a trattare il tema della psoriasi in inverno.

Cosa succede in inverno

Tipicamente, nella stragrande maggioranza dei casi, la psoriasi tende a peggiorare durante il periodo invernale.

Questo peggioramento può essere correlato a diversi fattori.

Vediamo quali sono.

Effetto benefico dei raggi solari

Innanzitutto viene a mancare l’effetto benefico della radiazione solare e dell’esposizione al sole. Che sappiamo fare molto bene.

L’effetto “solare” in inverno è estremamente ridotto e inoltre anche la superficie corporea è quasi tutta coperta da indumenti.

Indumenti

In effetti durante la stagione invernale siamo quasi totalmente coperti per il freddo con giacconi, guanti, cappelli e sciarpe.

Cosa che non ci permette di beneficiare anche di quei pochi raggi solari che accompagnano l’inverno.

Tra l’altro questi indumenti possono essere a loro volta causa di peggioramento scatenante la psoriasi in inverno.

Soprattutto quando si ha una ridottissima traspirazione dovuta ad indumenti sintetici o in fibra non naturale.

Ambienti chiusi con poco ossigeno

Anche il fatto di stare in ambienti chiusi dove c’è uno scarso ricambio di ossigeno, legato magari ad un uso elevato del riscaldamento, può portare ulteriore peggioramento della psoriasi in inverno.

Alimentazione

Inoltre l’inverno è anche un periodo in cui lo stile alimentare tende a cambiare in modo importante.

Si tende a prediligere dei cibi molto nutrienti, ma che allo stesso tempo infiammano l’organismo peggiorando la psoriasi.

Inoltre anche le quantità di cibo che ingeriamo tendono a crescere d’inverno, andando ad incidere sul peso e sul metabolismo e quindi, indirettamente, anche sulla psoriasi.

Attività fisica

Infine c’è da dire che anche l’attività fisica, salvo persone molto sportive, c’è la tendenza a muoversi meno.

Vuoi per il freddo, vuoi per eccessiva pigrizia, ma questo è quello che accade. Anche questo è un fattore che incide a livello metabolico sul peggioramento della psoriasi.

Trattamento della psoriasi in inverno

L’ideale sarebbe cercare di scegliere un trattamento durante la stagione invernale che possa riprodurre quello che sarebbe l’effetto benefico delle radiazioni solari tipiche della stagione estiva.

Quindi in questo scenario entra in scena la già conosciuta microfototerapia ratokderm. Che è sicuramente la scelta migliore per iniziare a trattare la psoriasi in inverno.

Questa lettura è stata utile? Condividila!

Contattaci

Il nostro centro a Milano si avvale di medici specializzati in Psoriasi, dalla comprovata esperienza. Chiamaci per saperne di più!
Non perderti tutte le news, eventi e Open Day del Centro Medico Unisalus

Iscriviti alla nostra newsletter

Icona medicoCiao,
Hai mai ricevuto una diagnosi di Psoriasi?

Io: No

Io: Sì

Icona psoriasiUn tuo familiare soffre di Psoriasi o ha mai manifestato i sintomi compatibili con la Psoriasi?

Io: No

Io: Sì

Icona PsoriasiHai delle chiazza rosse con desquamazioni in zone particolari quali viso, cuoio capelluto, zona lombare, gomiti, ginocchia, palmi di mani, e piedi, genitali, pieghe corporee o dietro le orecchie?

Io: No

Io: Sì

Icona PsoriasiGentile utente, grazie per avere compilato il questionario. In base alle tue risposte ti consigliamo di lasciare la tua email per essere ricontatto da un nostro esperto.

Icona PsoriasiGentile utente grazie per aver compilato il questionario. In base alle tue risposte non ha evidenziato problemi di Psoriasi. Se ritieni che la tua patologia non sia controllata bene, ti consigliamo di lasciarci la tua email per essere ricontattato da un nostro esperto.