Biopsia

Per diagnosticare correttamente la psoriasi i dermatologi possono avvalersi della biopsia, tramite la quale prelevano frammenti di pelle.

Se noti la presenza di chiazze spesse e squamose di pelle morta, che iniziano a comparire sul tuo corpo, potresti avere la psoriasi.

Solitamente la psoriasi si manifesta in queste parti del corpo

Spesso però le macchie della pelle secche e squamose possono anche essere dovute da:

  • dermatiti
  • eczemi
  • diverse altre condizioni, incluso il cancro della pelle.

Talvolta, il dermatologo può eseguire una diagnosi osservando l’area interessata dai sintomi ma non ha la certezza di cosa possa essere.
Per questo motivo, a volte, è necessaria una valutazione più approfondita per confermare una diagnosi di psoriasi è necessaria una biopsia.

Quando si ha bisogno di una biopsia?

Quando la condizione della pelle non viene diagnosticata clinicamente, il dermatologo può raccomandare una biopsia cutanea.
Sebbene la parola “biopsia” sia stata associata spesso alle diagnosi di cancro, si tratta di un semplice test per confermare o modificare una diagnosi.

Di cosa si tratta?

Una biopsia è un esame dettagliato del tessuto vivente per determinare l’esistenza di una malattia e individuare segni sulla pelle ed è una procedura semplice che dura circa 15 minuti.
Questa procedura può anche determinare fino a che punto una malattia può essere diffusa.

Inoltre, può permettere al dermatologo di individuare il tipo di psoriasi.
Esistono diverse tipologie di psoriasi e si differiscono dall’aspetto della lesione
alla posizione delle lesioni e alla possibile causa o all’innesco.

Viene solitamente eseguita nello studio del medico ed è una procedura abbastanza semplice che inizia con un anestetico per intorpidire l’area da testare.

Tipologie

Quando è presente un accumulo di cellule della pelle, come accade con la psoriasi, può essere richiesta una biopsia.

Il campione di tessuto cutaneo viene ottenuto mediante una piccola lama rotonda che perfora la pelle ed estrae un campione.

Questa procedura simile al modo in cui un perforatore mette dei buchi nella carta da posizionare in un raccoglitore a tre anelli.

Altri tipi di biopsia includono:

  • Biopsia da barba. Mediante l’uso di una lama si taglia una piccola sezione dallo strato più esterno della pelle
  • Biopsia escissionale. Comporta la rimozione dell’intera lesione. Questa procedura, talvolta, richiede un innesto cutaneo per riparare l’area sottoposta a biopsia
  • La biopsia incisionale. Comporta la presa solo di una parte di una grande lesione

Dopo la procedura, l’area sottoposta a biopsia sarà sensibile e irritata per qualche giorno.

Cosa fare prima della procedura

La procedura può causare un lieve sanguinamento, quindi è necessario informare il dermatologo se:

  • Si hanno problemi con sanguinamento extra
  • Si prendono farmaci che fluidificano il sangue
  • Si hanno molte infezioni della pelle
  • Si usa farmaci che frenano sistema immunitario

Se la pelle, che il medico vuole controllare, si trova in un’area difficile da raggiungere, potrebbe essere necessario spogliarsi e indossare un camice ospedaliero. Il medico pulirà l’area e potrebbe contrassegnare l’area della biopsia con un pennarello speciale.

Rapporto di patologia

Diversi giorni dopo la biopsia, il medico riceverà un rapporto dal laboratorio che ha esaminato il tessuto cutaneo.

Le informazioni dall’esame sono fornite in un rapporto di patologia.
Tale rapporto contiene informazioni dettagliate sul campione di tessuto, inclusa la presenza o l’assenza di malattie testate dal patologo.

Il patologo è una figura medica che studia campioni di tessuto e interpreta i risultati di laboratorio aiutando così nel diagnosticare le malattie.

Se non viene trovata la presenza di cancro, il risultato è noto come negativo.
Se invece troverà un cancro o un’altra patologia, il patologo utilizzerà il referto della patologia per aiutare a determinare il trattamento.

Se il referto patologico determina la presenza cancro o qualsiasi altra malattia grave, si potrebbe richiedere una seconda opinione.
Per fare ciò, bisogna assicurarsi che il secondo medico riceva i vetrini del microscopio e altro materiale correlato dal patologo.

Trattamento

Una volta individuata la diagnosi, insieme al medico andrà deciso il possibile trattamento.
Se la diagnosi è cancro, saranno necessari più test per determinare fino a che punto la malattia si è diffusa.
Potrebbero anche essere necessarie più procedure per rimuovere altre cellule cancerose dalla pelle.

Se si ha la psoriasi, invece sono possibili diverse opzioni di trattamento.
Questi includono: lozioni topiche per ridurre le ferite psoriasiche o la terapia della luce, che utilizza la luce ultravioletta per aiutare a guarire la pelle danneggiata.

 

Questa lettura è stata utile? Condividila!

Contattaci

Il nostro centro a Milano si avvale di medici specializzati in Psoriasi, dalla comprovata esperienza. Chiamaci per saperne di più!
Non perderti tutte le news, eventi e Open Day del Centro Medico Unisalus

Iscriviti alla nostra newsletter

Icona medicoCiao,
Hai mai ricevuto una diagnosi di Psoriasi?

Io: No

Io: Sì

Icona psoriasiUn tuo familiare soffre di Psoriasi o ha mai manifestato i sintomi compatibili con la Psoriasi?

Io: No

Io: Sì

Icona PsoriasiHai delle chiazza rosse con desquamazioni in zone particolari quali viso, cuoio capelluto, zona lombare, gomiti, ginocchia, palmi di mani, e piedi, genitali, pieghe corporee o dietro le orecchie?

Io: No

Io: Sì

Icona PsoriasiGentile utente, grazie per avere compilato il questionario. In base alle tue risposte ti consigliamo di lasciare la tua email per essere ricontatto da un nostro esperto.

Icona PsoriasiGentile utente grazie per aver compilato il questionario. In base alle tue risposte non ha evidenziato problemi di Psoriasi. Se ritieni che la tua patologia non sia controllata bene, ti consigliamo di lasciarci la tua email per essere ricontattato da un nostro esperto.