Articoli

psoriasi in inverno

Psoriasi in inverno: che succede?

Ricordiamo in primo luogo che, la psoriasi, è una patologia dermatologica diffusa che colpisce circa il 3-4 % della popolazione.

In tutte le varie fasce di età, nonostante l’incidenza maggiore si trovi nel maschio adulto.

La forma più comune di psoriasi è caratterizzata da larghe placche molto infiammate e ricoperta di squame o croste bianche.

Tra i tanti fattori che possono influire sull’andamento della psoriasi è la stagionalità.

Abbiamo già parlato della psoriasi nel periodo estivo, andiamo ora a trattare il tema della psoriasi in inverno.

Cosa succede in inverno

Tipicamente, nella stragrande maggioranza dei casi, la psoriasi tende a peggiorare durante il periodo invernale

Questo peggioramento può essere correlato a diversi fattori.

Vediamo quali sono.

Effetto benefico dei raggi solari

Innanzitutto viene a mancare l’effetto benefico della radiazione solare e dell’esposizione al sole. Che sappiamo fare molto bene. 

L’effetto “solare” in inverno è estremamente ridotto e inoltre anche la superficie corporea è quasi tutta coperta da indumenti. 

Indumenti

In effetti durante la stagione invernale siamo quasi totalmente coperti per il freddo con giacconi, guanti, cappelli e sciarpe. 

Cosa che non ci permette di beneficiare anche di quei pochi raggi solari che accompagnano l’inverno.

Tra l’altro questi indumenti possono essere a loro volta causa di peggioramento scatenante la psoriasi in inverno.

Soprattutto quando si ha una ridottissima traspirazione dovuta ad indumenti sintetici o in fibra non naturale.

Ambienti chiusi con poco ossigeno

Anche il fatto di stare in ambienti chiusi dove c’è uno scarso ricambio di ossigeno, legato magari ad un uso elevato del riscaldamento, può portare ulteriore peggioramento della psoriasi in inverno.

Alimentazione

Inoltre l’inverno è anche un periodo in cui lo stile alimentare tende a cambiare in modo importante. 

Si tende a prediligere dei cibi molto nutrienti, ma che allo stesso tempo infiammano l’organismo peggiorando la psoriasi.

Inoltre anche le quantità di cibo che ingeriamo tendono a crescere d’inverno, andando ad incidere sul peso e sul metabolismo e quindi, indirettamente, anche sulla psoriasi.

attività fisica inverno psoriasi

Attività fisica

Infine c’è da dire che anche l’attività fisica, salvo persone molto sportive, c’è la tendenza a muoversi meno. 

Vuoi per il freddo, vuoi per eccessiva pigrizia, ma questo è quello che accade. Anche questo è un fattore che incide a livello metabolico sul peggioramento della psoriasi.

Trattamento della psoriasi in inverno

L’ideale sarebbe cercare di scegliere un trattamento durante la stagione invernale che possa riprodurre quello che sarebbe l’effetto benefico delle radiazioni solari tipiche della stagione estiva.

Quindi in questo scenario entra in scena la già conosciuta microfototerapia ratokderm. Che è sicuramente la scelta migliore per iniziare a trattare la psoriasi in inverno.

psoriasi cosa fare

Psoriasi cosa fare

Abbiamo chiesto ai nostri Medici specializzati in Psoriasi cosa fare in caso si fosse affetti da questa malattia della pelle.

Abbiamo individuato diverse domande, fra le più comuni che ci pongono i pazienti, a cui ci ha dato risposta la Dottoressa Marino Fantato Dermatologo esperto in psoriasi.

Medici Esperti in Psoriasi

Prima di vedere tutte le risposte vi ricordiamo brevemente che nelle nostre Sedi di Milano, al Centro Medico Unisalus e di Roma al centro Medico Saneb, potete trovare un Team multidisciplinare ed esperto di Medici Specializzati in Psoriasi.

La psoriasi è una malattia contagiosa?

La psoriasi non è una malattia contagiosa ossia non c’è modo che sia trasmissibile da un soggetto ad un altro.

La psoriasi si concentra solo su alcune parti del corpo?

No, questa patologia non si concentra su alcune parti del corpo ma statisticamente si localizza più frequentemente su alcune aree corporee come ad esempio gomiti e ginocchia.

La malattia colpisce esclusivamente la pelle o interessa anche altri organi?

La psoriasi oltre alla pelle può colpire anche le articolazioni manifestandosi sotto forma di artropatia psoriasica con dolore e deformità delle articolazioni interessate come conseguenza del processo infiammatorio psoriasico localizzato a livello delle superfici articolari.

Può colpire a tutte le età?

Si purtroppo può colpire a qualsiasi età con predilezione per le fasce d’età tra i 30 e i 40 anni.

Lo sport porta benessere al paziente psoriasico?

Lo sport può portare un beneficio al paziente psoriasico indirettamente in quanto seguito nei modi corretti comporta un benessere per tutto l’organismo.

Esiste una dieta in grado di contrastare l’insorgenza della patologia?

A prescindere dalle intolleranze ed allergie alimentari che devono essere indagate nel paziente psoriasico per non aggravare il quadro clinico, la migliore dieta consigliata a chi è affetto da questa patologia è quella mediterranea.

Cioè quella che prevede alto consumo di frutta e verdura, che contengono sostanze antiossidanti utili a disinfiammare l’organismo.

Esiste una alimentazione specifica per chi è affetto da Psoriasi?

alimentazione corretta per psoriasi

L’ alimentazione specifica per chi è affetto da psoriasi deve essere adattata al singolo paziente e quindi comprendere tutti quei principi attivi che non alterino il metabolismo personale.

Eliminando soprattutto il sovrappeso che in questa patologia può essere una concausa.

Vi è una correlazione tra l’aspetto psicologico e l’insorgere della patologia?

Sicuramente un “aspetto psicologico” caratterizzato da disagio emotivo personale vissuto nella quotidianità per diversi motivi interferisce negativamente con la malattia.

Quindi vi sono casi in cui la patologia deve essere affrontata con il supporto dello psicologo o psicoterapeuta.

Si può guarire completamente dalla Psoriasi?

Si può guarire completamente in termine di remissione dei sintomi evidenti. Ossia possiamo ridurre o eliminare le croste e macchie su tutte le aree cutanee interessate grazie a cure efficaci come la fototerapia.

In particolare la Microfototerapia Ratokderm, ma è chiaro che senza una terapia di mantenimento le croste potrebbero ripresentarsi in futuro. Infatti le recidive sono molto probabili.

Si può morire di psoriasi?

Di psoriasi non si muore però si può verificare una complicanza importante che si manifesta sotto forma di eritrodermia psoriasica e richiede il ricovero in ambiente ospedaliero per la compromissione metabolica importante che può verificarsi come conseguenza.

Chi ha la psoriasi è predisposto per altre malattie?

No non necessariamente chi ha la psoriasi è predisposto per altre malattie se il quadro clinico psoriasico è tenuto sotto controllo con le cure adeguate.

Può peggiorare in gravidanza?

Purtroppo la psoriasi può peggiorare sia durante che dopo la gravidanza.

Si può trasmettere ai figli?

Diciamo che può essere trasmessa ai propri figli non direttamente ma sotto forma di predisposizione genetica.

L’eccessiva sudorazione peggiora la patologia?

L’eccessiva sudorazione potrebbe peggiorare il quadro psoriasico ma è un dato soggettivo.

Il paziente psoriasico può donare il sangue?

In realtà la psoriasi non è una condizione in sé che ci può escludere come donatori di sangue. Tuttavia alcune terapie o farmaci potrebbero renderci inidonei allo status di donatori.

Si possono fare tatuaggi su zone affette dalla malattia?

È assolutamente sconsigliato effettuare tatuaggi su un’area affetta da psoriasi perché potrebbe aggravare il quadro clinico della lesione.

È trasmissibile sessualmente?

No la psoriasi non può essere trasmessa sessualmente.

Come prenotare una visita

Per prenotare una visita con i nostri Medici esperti a Milano o Roma, e sapere cosa si può fare per la psoriasi, potete chiamare il nostro numero di telefono oppure inviare una mail tramite la sezione contatti del nostro sito.